Come Fissare una Sagoma su un Mobile

Risulta essere facile e succede di frequente, che da un mobile antico si stacchino piccoli elementi o pezzetti di lastrone. L’importante è che avete conservato le parti staccate e con questa breve ma esaustiva guida, potete risolvere il problema e far risplendere l’originalità del vostro mobile.

Occorrente
Colla da falegname
martello
pennellini
carta vetrata sottile (N 100)
Morse
rotolo nastro adesivo di carta
Pezzetti di compensato
Chiodini sottilissimi
taglierino

Togliete i residui della vecchia colla con un taglierino. La colla che tratteneva la sagoma non fa più presa, la finitura perciò si muove pur non essendosi staccata del tutto. Visto che non è possibile rimuovere il pezzo, perché magari è trattenuto da un incastro nascosto, occorre appunto togliere i residui di colla.

Prendete un pennellino fine e la colla da falegname. Intingete di abbastanza colla, il pennellino e fate colare la colla tra la sagoma e la struttura del mobile, in modo da far infiltrare la colla. Adesso, tenete fermo il pezzo da incollare e togliete le sbavature con una spugnetta bagnata con acqua calda e ben strizzata.

Risulta essere importante sapere che per tenere in posizione la sagoma fino a quando la colla non ha fatto presa, quindi perché questo avvenga devono trascorrere circa 24 ore, si utilizza una di quelle molle circolari a cui si è accennato: per fissarla dovete procedere per tentativi fino a quando non trovate un appiglio adatto a tenerlo fermo.

Come Montare Porta a Libro per l’Armadio

Una porta a libro è costituita da due strette ante incernierate l’una all’altra. Potete acquistarne una già pronta o realizzarla da soli, unendo due porte con anta a persiana. Le porte a libro occupano poco spazio nella stanza quando vengono aperte.

Occorrente
Attrezzatura necessaria:
Metro a nastro
Sega da metalli
Trapano elettrico munito di punte elicoidali e piatte
Morsetto
Cacciavite
Pialla (se necessario)
Materiali:
Porta a libro
Cerniere (se non sono comprese nel kit)
Pomelli per porte

Misurate la larghezza sulla parte superiore dell’armadio e tagliate una sezione di binario di questa misura. Se con questa operazione eliminate uno dei fori di fissaggio già predisposti, dovrete farne un altro. Serrate il pezzo, misurate e segnate la posizione del nuovo foro e praticatelo con il trapano con punta elicoidale.

Serrate con un, morsetto il binario sotto il bordo superiore dell’armadio. Usando i fori sul binario come guida, trapanate sul lato sottostante. Avvitate il binario e poi il fermo sul suo lato sinistro. Controllate che le porte siano a posto, forse occorrerà rifilarle con una pialla per adattarle. Segnate la posizione del perno sul lato superiore della porta, a sinistra.

Con una punta da trapano dello stesso diametro del perno, praticate un foro che abbia la profondità dell’elemento di fissaggio. Spingete il perno nel foro, lasciando fuoriuscire la punta. Fissate il perno inferiore allo stesso modo. Avvitate la piastra del perno nell’angolo inferiore dell’armadio, a sinistra.

Dopo avere installato le ante, potete allinearle verticalmente e orizzontalmente sistemando il perno inferiore e le viti della piastra con un apposito attrezzo (compreso nel kit). Seguite le istruzioni per segnare la posizione della guida sul lato superiore della porta, a destra. Con il trapano munito di punta piatta, praticate un foro dello stesso diametro dell’elemento di fissaggio, che inserirete lasciando sporgere la guida.

Le cerniere vanno avvitate sul retro delle ante. Posatele a terra una vicino all’altra, separate da uno spazio di 3 mm. Sistemate le tre cerniere a uguale distanza lungo le ante, segnate la posizione dei fori per le viti e praticateli con il trapano. Riposizionate le cerniere e avvitatele. Per installare le ante, piegatele e inserite il perno inferiore nella piastra fissata al fondo del guardaroba.

Sistemate poi il perno superiore e la guida nel binario e spingete la parte superiore della porta contro il lato dell’armadio, fino a che il perno non si aggancia al fermo. La maniglia, che va fissata prima di installare la porta, dovrebbe essere sistemata al centro dell’anta di destra: tirandola, la porta può piegarsi e scorrere in un unico movimento.

Come Fissare una Mensola

Molto spesso ci troviamo a fare i conti con dei piccoli lavoretti manuali per abbellire o rendere più pratica la nostra casa. Un complemento d’arredo che sicuramente non manca nelle nostre case è la mensola. Un oggetto che può servirci il più delle volte a riordinare oggettini vari oppure le cataste di libri presenti sulle nostre scrivanie.

Occorrente
Una mensola
Un trapano
Dei tasselli

Per prima cosa è necessario scegliere la grandezza della mensola. E’ infatti proprio questa scelta che determinerà la grandezza dei tasselli da comprare. Quindi se sceglieremo una mensola piccola, la scelta ricadrà su di un tassello numero sei, se la mensola da montare sarà media, il numero del tassello sarà otto, per la grande servirà un tassello numero dieci.

Naturalmente il numero del tassello influirà anche sulla scelta della punta del trapano da usare. Se il tassello da introdurre nel muro avrà come numero otto, naturalmente andremmo a scegliere la punta di trapano numero otto, al tassello numero dieci, la punta numero dieci. Quindi al numero del tassello corrisponde in numero della punta del trapano.

Ora cerca di livellare i punti del muro da bucare, potresti magari aiutarti con una bottiglia piena d’acqua, mettila sul muro in maniera orizzontale e se la bolla d’aria presente nella bottiglia sta al centro, significa che il punto che hai scelto si trova al livello giusto. Ora attua una certa pressione con le braccia sul trapano, in modo che la punta perfori il muro in maniera sufficiente a contenere un tassello. Creato il buco infila il tassello sul quale andrai ad adagiare la mensola.

Come Controllare il Livello dell’Olio della Propria Auto

Tantissime volte ci imbattiamo in persone che davvero non sanno come controllare il livello dell’olio della propria auto, eppure è un operazione non semplice, semplicissima! Infatti ci vogliono solamente 5 minuti per assicurarvi che il vostro motore non rimanga senza olio.

Occorrente
Guanti
Panno di Stoffa
Imbuto
Olio per motore

Come prima cosa muniamoci di guanti, per far sì che per tutta la durata della nostra operazioni, le mani si riempiano di olio oppure si sporchino di grasso, prendiamo un panno di stoffa, un imbuto e dell’olio per motore, queste due ultime cose ci serviranno eventualmente se il livello dell’olio della vostra auto risulti più basso della media.

Apriamo il cofano anteriore e localizziamo il tappo della stecca di misurazione del livello dell’olio presente nel motore:
Una volta localizzata la stecca, tiriamola del tutto fuori e puliamola per bene con il panno si stoffa, poi la inseriamo nuovamente nella sua bocchetta e ancora una volta tiriamola fuori.

A questo punto diamo un occhiata all’estremità della stecca, noteremo che la punta ha una superficie ruvida di circa 1 centimetro, quella superficie viene bagnata dall’olio e quindi sarà il nostro livello, infatti ci basta assicurarci che la parte ruvida sia completamente o almeno più della metà, bagnata dall’olio, se così fosse il livello dell’olio e ok. Se così non fosse, possiamo procedere all’aggiunta di olio.

Per aggiungere dell’olio motore nella propria auto vi basta semplicemente localizzare il tappo del serbatoio dell’olio motore:
Una volta localizzato, aprite il tappo, e inserite dell’olio per motore, ovviamente quello adatto per la vostra auto. Per fare questo aiutatevi con un imbuto per fare in modo che l’olio non si cosparga sulla superficie, infine chiudete il tappo e il gioco è fatto. Eventualmente è possibile aggiungere anche additivi per olio motore, che hanno lo scopo di migliorare le prestazioni.

Come Montare una Lampada di Emergenza in Casa

Volete montare una lampada di emergenza nella vostra abitazione? Non sapete come fare? Allora affidatevi a questa guida e sarete in grado di montare una lampada di emergenza senza chiedere l’intervento di un elettricista. La guida è molto semplice e ci vogliono 30 minuti per realizzarla.

Occorrente
Forbici
Lampada di emergenza
Trapano
Viti
Nastro isolante

Acquistiamo la lampada di emergenza.
Innanzitutto identificate il luogo dove volete montare la lampada di emergenza e prendete le misure con un centimetro. Una volta prese le misure recatevi presso un negozio di elettronica ed acquistate una lampada di emergenza a muro. Se volete risparmiare qualche euro potete acquistarla presso un centro commerciale ben fornito.

Montiamo la lampada di emergenza.
Prendete la lampada di emergenza e posizionatela sul muro (fatevi aiutare da un’altra persona). Con un pennarello fate dei segni in corrispondenza dei fori di fissaggio della lampada. Ora prendete un trapano e fate dei fori in corrispondenza dei segni che avete fatto.

Finiamo il montaggio.
Mettete due stop a muro nei fori che avete fatto. Prendete la lampada e fissatela al muro con le viti. Una volta fissata la lampada collegatela alla presa della corrente e attivatela agendo sul relativo interruttore. Se non avete una presa della corrente nelle vicinanze potete utilizzare una prolunga fissando il cavo di alimentazione al muro.